Focus Canada: conclusa la revisione giuridica dell’accordo economico e commerciale UE-CANADA (CETA)

Avv. Riccardo E. Di Vizio*

Dal nostro front office canadese arrivano incoraggianti notizie, che a brevissimo faciliteranno molto l’accesso delle imprese italiane in tale mercato: il testo dell’Accordo Comprehensive Economic Trade Agreement (CETA) tra l’UE e il Canada è praticamente stato varato nella sua formulazione definitiva.
Questo è un importantissimo traguardo verso la stipula definitiva del CETA., da cui l’Italia si aspetta rilevanti ritorni in termini commerciali ed economici.
Si tratta, infatti, del primo accordo ampio ed approfondito raggiunto dall’Unione Europea con un paese membro del G7, che consentirà la rimozione quasi totale delle barriere tariffarie tra Europa e Canada, creando nuove opportunità di accesso al mercato.
Una volta applicato, offrirà alle nostre imprese nuove e migliori opportunità commerciali in Canada e sosterrà la creazione di posti di lavoro in Europa.
In sintesi, l’accordo CETA disciplina i seguenti aspetti:
– Abolizione dazi doganali: Il CETA porrà fine a tutti i dazi industriali, facendo risparmiare agli esportatori europei circa 470 milioni di euro l’anno
– Permettere alle imprese dell’UE di partecipare agli appalti pubblici in Canada : grazie al CETA, le imprese dell’UE potranno presentare offerte per gli appalti pubblici in Canada a tutti i livelli di governo, comprese le amministrazioni provinciali, responsabili di una parte consistente della spesa pubblica.
– Rafforzare la cooperazione in campo normativo : nell’ambito del CETA, l’UE e il Canada hanno convenuto di istituire un Forum sulla cooperazione normativa. Il Forum costituirà un meccanismo di cooperazione volontaria per lo scambio di esperienze e di informazioni pertinenti tra le autorità di regolamentazione, e per contribuire a individuare i settori in cui le suddette autorità possano cooperare
– Proteggere le innovazioni ed i prodotti agricoli con un’origine geografica specifica
– Semplificare gli scambi di servizi: il CETA creerà nuove opportunità per le imprese europee, dando loro accesso al mercato canadese in settori chiave quali i servizi finanziari, le telecomunicazioni, l’energia e i trasporti marittimi. Complessivamente, una volta attuato l’accordo, i vantaggi per l’UE potrebbero ammontare a 5,8 miliardi di euro l’anno
– Promuovere e proteggere gli investimenti: l’accordo elimina e riduce gli ostacoli per gli investitori che desiderano entrare nel mercato canadese
– Salvaguardare la democrazia e le norme di protezione dei consumatori e dell’ambiente
Ci uniamo ai nostri corrispondenti canadesi nell’auspicio che la firma e l’entrata in vigore dell’accordo Ceta, raggiunto grazie all’impegno e alla determinazione della Commissione, possano concludersi nel più breve tempo possibile, rendendo concrete le allettanti prospettive offerte dal mercato canadese alle imprese italiane.


Articoli Recenti

Vai alla sezione Blog