Maggio 2016: dall’Unione Europea azioni concrete per il sostegno dell’internazionalizzazione delle nostre imprese nel mercato comune. Ottime opportunità per organizzatori di eventi e banche

Avv. Maurizia Venezia*
Dal nostro monitoraggio delle iniziative poste in essere dalle Istituzioni comunitarie a favore di imprese e professionisti operanti all’interno dell’UE emergono dati entusiasmanti. Una miriade di opportunità da cogliere a volo!
La prima viene dall’ Agenzia esecutiva per le piccole e le medie imprese (EASME), con sede a Bruxelles, che è alla ricerca di professionisti e imprese con esperienza nell’organizzazione di meeting ed eventi che organizzino 10 incontri di matchmaking tra imprese (B2B) tra gli operatori turistici dell’UE ed extraUE, in particolare le PMI, in occasione di importanti fiere internazionali del turismo. Gli incontri tra imprese sosterranno le imprese europee, soprattutto le PMI, nell’individuare i partner e offrire i propri prodotti e servizi nei grandi mercati internazionali. L’obiettivo generale del presente appalto è contribuire ad accrescere i flussi turistici dai grandi mercati internazionali (Cina, India, Asia, America del Nord e America del Sud) all’Unione europea. L’importo stanziato è considerevole: 3 100 000.00 EUR. IL termine per inviare le domande scade il 31 maggio 2016 (2016/S 084-147711).
Sempre nel medesimo settore, con iniziativa volta a sostenere la promozione all’estero delle PMI comunitarie, segnaliamo la procedura aperta dalla Commissione Europea volto a cercare operatori esperti nell’organizzazione e gestione eventi e nella produzione di materiale promozionale di tale eventi. L’importo offerto a chi vincerà l’appalto è di ben 44 000 000.00 EUR! Scadenza del termine per la presentazione delle candidature: 30 giugno 2016 (2016/S 084-147732).
Interessanti notizie anche per le banche:
Il Parlamento europeo, la cui unità «Trésorerie et comptabilité» (tesoreria e contabilità) è stabilita a Lussemburgo, indice un appalto per la conclusione di 7 contratti con 3 istituti bancari la cui sede sociale è situata in uno dei paesi appartenenti all’Unione europea, che saranno incaricati di effettuare pagamenti a favore di terzi, incassare entrate e prestare vari servizi bancari connessi. La gran maggioranza dei pagamenti viene effettuata all’interno dell’Unione europea. Una piccolissima parte dei pagamenti viene effettuata a favore di beneficiari stabiliti al di fuori dell’Unione europea. Questa parte potrebbe aumentare con l’avanzamento delle procedure di adesione di nuovi Stati. Il Parlamento europeo pretenderà un alto livello di servizi da parte degli istituti bancari, pur tenendo conto degli aspetti finanziari delle proposte. Scadenza: 9 giugno 2016 ( 2016/S 084-147738).
Non aspettiamo altro che vincere questi bandi con imprese italiane.


Articoli Recenti

Vai alla sezione Blog